REGOLE PER DETERMINARE LA GIUSTA SEQUENZA ANGOLI-SPIGOLI...
#31
‘Sera… Smile
Come sta andando questo weekend?

... Come avevo anticipato qualche giorno fa, ho intenzione di riutilizzare gli stessi tre scramble eseguiti finora, ma stavolta per determinare le sequenze-spigoli...

Riprendiamo lo scramble #1 , Bianco Up, Rosso Front:

R F2 B' R2 L B' U' B' D' L2 D L D F2 D2 R' D F R2 L' F2 L2 F2 U' D

Sappiamo che la sequenza angoli è :
LFD – BLD – RBD – FLU – FRD / UBR - BUL - UBR

La sequenza spigoli invece dovrebbe essere la seguente:
UB – FR – UL / UF – DR – FD – LD – FU / FL – BD – BR – LF / LB - BL
(Nell'ultimo ciclo, come si può capire, si aggiusta l'unico spigolo flippato che abbiamo...)

Credo sia questa… Inoltre ha un numero pari di scambi, come ci è capitato con gli angoli…

Qualcuno me lo conferma?

Ho già ringraziato molte volte l’onnipresente Colo Smile


EDIT :

Ho provato la solve. La sequenza è corretta Big Grin
#32
Riproviamo con uno scramble completamente nuovo.

Scramble #4, Bianco UP e Rosso FRONT:

F2 L' R' B D' B' U' F2 B2 R2 F2 D' F L' B U L B' F2 R' D F D' B' R

Stavolta determiniamo sia la sequenza angoli che la sequenza spigoli.

Osservando il cubo notiamo questa situazione:

- angoli:
BRD già correttamente posizionato;
ULB flippato;

- spigoli:
RD e LD già a posto (lo è anche il buffer UR ma non dobbiamo contarlo);
UB e LF flippati.


1) Sequenza angoli:
1° ciclo: DFR - BLD - FLD - LBU - BRU
2° ciclo: UFL - FLU (correzione flip)

2) Algoritmo di parità (J2 perm)

3) Sequenza spigoli:
1° ciclo: (buffer già a posto)
2° ciclo: UF - UB - BL - FU
3° ciclo: FD - UL - BD - BR - DF
4° ciclo: UB - BU (correzione flip #1)
5° ciclo: FL - LF (correzione flip #2)

Tradotto nel mio schema:
1) Angoli: 2 Q H S O / D E
2) J2 perm
3) Spigoli: C F P E / G D Q R 1 / A O / H T

...

Il cubo è risolto. Smile


A special thanks to Matteo and Sebastiano. You're both great.
#33
Ottimo Big Grin
Ora bisogna farlo bendati però Tongue
#34
Ciao Matteo Smile

Spesso in alcune parti di solve NON ho voluto guardare il cubo...
Ora devo solo fissare bene a mente le mosse di setup/antisetup.
Sono tutte intuitive, ma memorizzarle è sempre la cosa migliore: la solve così diventa più "automatica".
Per quanto riguarda la memo della sequenza, anche lì basta esercitarsi. La mia RAM è ancora in ottimo stato, quindi spero di sfruttarla al meglio Smile
#35
Caro Evologic,
(il post è un po' lungo ma non avere paura Smile )

ho eseguito lo scramble che mi hai proposto, con Bianco UP e Verde FRONT:

R2 L2 D R2 L2 U2 B2 D' U' L2 U B L2 U' B' D2 L2 D' B' U'

Ho notato che è uno scramble che scompone solo gli angoli, lasciando intatti gli spigoli. Bene.
Adesso, come tu mi hai detto, tengo impugnato il cubo con Giallo UP e Rosso FRONT.
Il nostro buffer è ULB (so che fai riferimento a Fatte, e lui parte appunto da ULB).

Osservando il cubo notiamo che ULB – il nostro buffer – è già al suo posto, ma flippato.
Ma questo NON ci deve preoccupare.
Perché?
Perché alla fine della sequenza il buffer ci risulterà orientato correttamente.

Al contrario, nel caso in cui ci sia un angolo flippato - diverso dal buffer -, allora avremmo dovuto correggerlo, ma col buffer NON abbiamo bisogno di farlo.

Una sequenza può avere un unico ciclo, ma spesso ha anche più cicli, dipende solo dalla particolare configurazione del cubo. Tra poco capirai il concetto di “ciclo”, non preoccuparti.

Innanzitutto si parte sempre dal pezzo che è in ULB e si vede dove deve andare, e così via.

Più chiaramente:
Guardiamo ULB. E’ proprio il nostro buffer, che è già al suo posto… ma è flippato.
Che fare?
Assolutamente nulla. Il ciclo è iniziato ed è appena terminato.
Perché? Che cosa vuol dire?

Il primo ciclo inizia dall’angolo CHE E' NEL BUFFER e finisce quando incontriamo IL BUFFER.

In pratica: se io ULB non l’avessi avuto già a posto (orientato o meno), in ULB ci sarebbe stato qualsiasi altro angolo, mi segui?

ESEMPIO
Da quest’angolo appena citato noi saremmo partiti per creare la sequenza … chiamiamolo per semplicità “l’angolo A”. (che, ripeto, in questo esempio, NON è il buffer già messo a posto, ma un altro angolo sempre collocato in ULB!).

Guardiamo i colori dell’angolo A e ci accorgiamo che deve andare – per esempio – al posto dell’angolo C.

Scriviamo C. E’ il primo scambio della nostra sequenza.

Notiamo che C, a sua volta, deve andare al posto dell’angolo F.
Aggiungiamo F alla sequenza: C – F.

F – per esempio – deve andare al posto dell’angolo in H.
--- Ci accorgiamo che in H c’è il buffer ----

Aggiungiamo H alla sequenza: C-F-H.
Ora, siccome abbiamo incontrato il buffer ma NON siamo ancora passati per tutti gli angoli, ci rendiamo conto che siamo alla fine di un ciclo. Il primo ciclo.

Dobbiamo quindi cominciarne un secondo, ripartendo da un angolo da cui non siamo ancora passati, (per esempio D), aggiungerlo alla sequenza ,vedere dove va e così via, finché non ritorniamo nello stesso pezzo da cui siamo partiti.

Non ho detto “sticker”, ma “pezzo”! Esempio: se cominciamo un nuovo ciclo ripartendo – per dire – dall’angolo UFL, questo stesso ciclo dovrà ritornare (e finire) necessariamente nel pezzo UFL, non importa se il ciclo ti ha riportato nello sticker U, F o L. Ciò che conta è che sei tornato nello stesso pezzo da cui eri ripartito (= fine ciclo). Tornato nel pezzo però, alla sequenza devi aggiungere lo sticker del pezzo a cui sei ritornato.
Non disperare: alla fine del post ti sarà tutto più chiaro.


Ricapitolando:
1) Il primo ciclo finisce quando s’incontra il buffer. Se, quando incontriamo il buffer, ci accorgiamo che siamo passati per tutti gli angoli, allora abbiamo un ciclo unico e la nostra sequenza è finita.

2) Se si verificano più cicli: i cicli dal secondo in poi iniziano e finiscono nello stesso pezzo.

Finito il secondo ciclo, se a questo punto sono passato per tutti gli angoli, la mia sequenza è finita.
Altrimenti ne inizio un terzo, e vale sempre la 2).

Ciò che mi deve importare è passare per tutti gli angoli, non m’importa quanti cicli devo impiegare per farlo.

TORNIAMO A NOI !
(Scusami ma l’intro era d’obbligo)

Nel nostro cubo in ULB c’è già il buffer.
Cos’abbiamo appena detto?
Il primo ciclo finisce quando s’incontra il buffer.
Nel nostro caso ce l’abbiamo già a posto, l’abbiamo incontrato da subito, prematuramente Smile
Il ciclo è già finito. Ma siccome si tratta proprio del buffer, lo sticker NON VA MEMORIZZATO.

Siamo obbligati a iniziare un secondo ciclo.
Possiamo ripartire da qualunque altro angolo. Possibilmente con una setup comoda.
Ripartiamo da LUF.
Siamo nel secondo ciclo, ricordiamoci quindi che dobbiamo ritornare nello stesso pezzo da cui siamo ripartiti, altrimenti abbiamo sbagliato qualcosa.

Scriviamo LUF.

LUF va al posto dell’angolo DFR.

Accanto a LUF scriviamo DFR.

Dove deve andare DFR? Va in DFL. Alla nostra sequenza aggiungiamo DFL.

A sua volta, DFL va in BUR. Aggiungiamo di seguito BUR.

BUR invece va in FUL.
Eccoci tornati al pezzo da cui eravamo ripartiti. Questo ci dice che il nostro ciclo – il secondo ciclo – è terminato.

Guardiamo ancora il cubo.
Chiediamoci: sono rimasti ancora degli angoli esclusi?
Certo! Nel nostro caso ne sono rimasti altri tre. (Uno però è flippato, cioè UFR, e quello lo risolveremo all'ultimo...).
Dobbiamo allora iniziare un altro ciclo. Il terzo, in questo caso.

Ripartiamo da uno dei due: DBR.
Aggiungiamo DBR alla sequenza.
Anche stavolta dovremmo ritornare – a fine ciclo – nel pezzo DBR.

DBR va in BDL.
Aggiungiamo di seguito anche BDL.

BDL va a sua volta in RDB.
Eccoci tornati al pezzo da cui avevamo cominciato il terzo ciclo. Stavolta lo sticker è R.
Aggiungiamo RDB alla sequenza.

Rimane escluso un solo angolo, UFR, che è flippato.
Alla sequenza aggiungiamo UFR-FRU, perché lo sticker in U deve andare in F.

La nostra sequenza allora è terminata, ed è “durata” 3 cicli + 1 correzione di flip (che può essere considerato un quarto ciclo).
Scriviamola completa:

1° ciclo: il buffer è già a posto! (Inizio e fine 1° ciclo)
2° ciclo: LUF DFR DFL BUR FUL (fine 2° ciclo)
3° ciclo: DBR BDL RDB (fine 3° ciclo)
4° ciclo: UFR FRU (correzione flip - fine sequenza)

Tale sequenza, “tradotta” nelle lettere di Fatte diventa: T 2 1 O E 3 Q M C F.
Scritta così è molto più facile da memorizzare.

Spero di essere stato chiaro e soprattutto utile.
So di aver scritto molto, e forse in certi punti sono stato ridondante, ma m’interessava molto farti capire bene…

Buona serata ;-)

F.

EDIT: Il post ora è corretto. Nella prima "stesura" avevo mancato la correzione del flip (che pure avevo visto sul cubo!).
Evologic ti chiedo umilmente scusa Wink Oggi sono stato un po' troppo davanti al computer...
#36
Non sei stato ridondante, ma hai spiegato in modo sublime, ho capito tutto, grazie, se ho dubbi non esiterò a contattarti, grazie di nuovo!
#37
Francesco: ho un problema ho provato iù volte la memo ma è sbagliata, puoi guardarla un attimo e magari se sbaglio io dirmi i set-up, grazie?
#38
(07-09-2012, 11:14 PM)Evologic Wrote: Francesco: ho un problema ho provato iù volte la memo ma è sbagliata, puoi guardarla un attimo e magari se sbaglio io dirmi i set-up, grazie?

Ti chiedo veramente scusa, ma pur avendo notato sul cubo l'angolo UFR flippato, in un secondo momento mi è passato di mente, dimenticandomi di aggiungere alla sequenza la correzione del flip. Al post (adesso l'ho corretto e l'ho aggiunto) mancava "l'ultimo ciclo", cioè quello in cui terminiamo la sequenza aggiustando l'angolo UFR flippato.

Alla sequenza quindi vanno aggiunti altri due scambi per concludere la solve: UFR - FRU (ossia C-F, per orientare correttamente UFR e avere tutti gli angoli risolti).

Ora: se eri arrivato alla fine della sequenza ed eri rimasto con UFR ancora flippato (+ il buffer ULB ancora flippato), fin qui avevi fatto tutto bene: ti mancava appunto solo la correzione del flip (UFR-FRU) e avresti concluso la solve.

Però se, alla fine della memo, oltre al target e al buffer ancora flippati ti sei ritrovato con altri angoli ancora fuori posto, allora anche tu ti sarai confuso o con la perm o con qualche setup.


Se non vado errato, tu usi il Pochmann con le 5 perm:

J1 perm per lo spigolo-target UB;
J2 perm per lo spigolo-target UF;
T perm per lo spigolo-target UL;
ognuna di queste perm scambia il relativo target con il buffer UR, uguale per tutti gli spigoli.

Il concetto è: con una setup apposita porti uno spigolo in uno dei tre target, poi esegui la perm relativa a quel target per scambiare quest'ultimo col buffer UR. Poi, per finire, antisetup. Stesso discorso per tutti gli altri spigoli da risolvere. Alla fine della sequenza (se è quella giusta e se non sbagli le setup) deve per forza quadrare tutto. E' questa la logica della solve.

Continuando, per gli angoli tu usi solo la Y perm, che ti scambia l'angolo-target UFR col buffer ULB. Anche qui: setup per portare un angolo nel target, Y perm per portarlo nel buffer, poi antisetup per mantenere intatta la configurazione del cubo. E via così per ogni angolo.

La quinta perm invece è quella che devi usare SOLO SE hai un caso di parità, ossia quando la sequenza degli angoli (e degli spigoli) presenta un numero dispari di SCAMBI, ma tale perm la devi fare solo se c'è appunto la parità e solo "in mezzo" alla solve: se per esempio risolvi prima gli angoli e ti accorgi che il numero di scambi è dispari, lo saranno anche gli spigoli.
Ciò vuol dire che, prima di passare a risolvere anche gli spigoli, dovrai eseguire l'algoritmo di parità, cioé:

U' - R2 perm - U

Nel nostro caso gli scambi sono pari (sono in tutto 10). Quindi anche gli spigoli avrebbero avuto sicuramente un numero pari di scambi. Dunque, qui non avremmo avuto bisogno di fare la parità.

Sono 5 perm in tutto. Più le varie setup. E questo le prime volte può confondere, ma è normale Smile

Io uso il metodo semplificato (quello proposto da Sebastiano nella sua guida), con una sola perm (la J2) per tutto, con mosse di setup che mi sono derivato intuitivamente, e che solo per un motivo di "automatismo" sto imparando a memoria...
Ma ti assicuro che la logica della sequenza non cambia.

Quello che stai imparando è un ottimo metodo, ma devi fare attenzione a quando eseguire una perm invece di un'altra (intendo con gli spigoli, con gli angoli è molto più facile perché ti basta solo la Y).

Ricordati di eseguire setup con mosse valide.
Per le setup degli angoli le uniche facce che puoi muovere sono F, R e D. Comprese le mosse inverse F', R' e D'.

Per gli angoli puoi usare solo L, D e i doppi strati "l" ("elle minuscolo") e "d"
("d minuscolo"), comprese le mosse inverse L', D', l' e d'.

Probabilmente, ripeto, avrai eseguito qualche altra perm invece della Y o ti sarai confuso con qualche setup/antisetup. Tutto normale. Succede, fa niente.

Devi fare solo più attenzione, senza andare di fretta, e in questa fase ci vuole anche molta pazienza con se stessi... Smile
Anch'io sono ancora in fase di apprendimento e mi sbaglio a volte. Ma questo non è sempre un male: i nostri errori ci ricordano che siamo umani, non macchine...

Riprova e fammi sapere se ci riesci, ciao.

Se ti può incoraggiare, il cubo l'ho risolto senza problemi.
Nel post precedente ho aggiornato la sequenza, ma ora te la posto completa anche qui:
T 2 1 O E 3 Q M C F

Perdonami ancora quell'omissione, grazie Smile
#39
ho ancora 3 dubbi sul bld adesso che ho imparato sia a angoli che spigoli:

1. quando finisco il primo ciclo, nei successivi a volte succede che per esempio, appena finito il primo ciclo, riparto da "O", se percaso succede che alla fine trovo il pezzo di questo buffer provvisorio, e la lettera combacia con "O", alla fine mi trovo due lettere uguali nella memo?

2. Tutte le volte che finisco il primo ciclo, ho problemi ha capire da quale pezzo riniziare perchè trovo difficile capire da quale parte non sono passato, e vedere quali pezzi mancano

3. Quanti caratteri ci vogliono per fare angoli, e quanti per gli spigoli?
nel senso: negli angoli ci devono essere sempre o 7 o 8 caratteri in totale? e negli spigoli?
#40
(08-09-2012, 10:35 PM)Evologic Wrote: ho ancora 3 dubbi sul bld adesso che ho imparato sia a angoli che spigoli:

1. quando finisco il primo ciclo, nei successivi a volte succede che per esempio, appena finito il primo ciclo, riparto da "O", se percaso succede che alla fine trovo il pezzo di questo buffer provvisorio, e la lettera combacia con "O", alla fine mi trovo due lettere uguali nella memo?

2. Tutte le volte che finisco il primo ciclo, ho problemi ha capire da quale pezzo riniziare perchè trovo difficile capire da quale parte non sono passato, e vedere quali pezzi mancano

3. Quanti caratteri ci vogliono per fare angoli, e quanti per gli spigoli?
nel senso: negli angoli ci devono essere sempre o 7 o 8 caratteri in totale? e negli spigoli?

In attesa che Matteo o altri più esperti ti possano rispondere, ti rispondo io:

1. Possono anche capitare due lettere uguali nella memo, o meglio: ti potrebbe capitare anche in ogni ciclo dal secondo in poi. Non è strano. L'importante è ritornare nello stesso pezzo da cui sei ripartito, a prescindere se ritorni nello stesso sticker o in un altro (sempre di quel pezzo).

2. Quello a volte è anche un mio problema, ma poi ho capito che è una questione di colpo d'occhio che va allenato, però ci si può aiutare anche da soli: per esempio, se finisco il primo ciclo, mi chiedo - Sulla faccia U ho fatto tutti gli angoli? - se la risposta e no, riparto da un angolo in U che non ho ancora risolto. Se invece in U li ho fatti già tutti, passo alla faccia F e mi pongo la stessa domanda.
Prova a osservare una faccia alla volta e non il cubo nel suo complesso: così ti dai un ordine, non ti "perdi".

3. Dipende dalla configurazione che il cubo presenta, non c'è un numero fisso.

Voglio spiegare meglio quest'ultimo punto...
Esegui un attimo questo scramble, con Bianco UP e Rosso FRONT:
F2 B2 U2 B' R U' R2 L2 U B' R B2 D' L' R B2 D' F2 D F' U F B' U' B

Otterrai un cubo che ha già 1 angolo a posto ma ben 3 spigoli flippati.
Io lo risolvo avendo come angolo buffer UFR e target UBR. Per gli spigoli il buffer è UR e il target è UF (per usare solo una perm per tutto, la J2).
Ma questo non importa perché anche se lo risolvi col "tuo" metodo il numero degli scambi è lo stesso.

... E ho questa sequenza:

Angoli:
1° ciclo: 1 3
2° ciclo: B V G S B

Ho finito gli angoli, lo capisco dal fatto che all'inizio avevo già l'angolo "D" a posto, quindi ne dovevo mettere a posto 6 (il buffer NON si conta).
Finito il primo ciclo (2 scambi), restano 4 angoli: quindi ricomincio il ciclo, parto da B e alla fine del ciclo ci ritorno. Sono passato per tutti i restanti 4 angoli, ma sono 5 scambi, proprio perché su B (o meglio, sul pezzo UBR) ci devo passare 2 volte (uno all'inizio e uno alla fine).
2 + 5 = 7 scambi ---> sono dispari, quindi devo fare anche la parità prima di cominciare a risolvere gli spigoli.

Per gli spigoli la sequenza è:
P R / F Q 2 G 4 H N / C E / D S / A O

In questo caso sono 15 scambi (devono infatti essere dispari come lo sono stati gli scambi per gli angoli, altrimenti avremmo sbagliato qualcosa).
Perché ne sono 15?
Escluso il buffer, restano 11 spigoli. Di questi 11,vedo che 3 sono flippati.
Quando nella sequenza arrivo a N e termino il secondo ciclo, a quel punto ho risolto 8 angoli: ne restano dunque 3 e sono proprio quelli flippati (tutti su "U"). Ogni flip è una sorta di "ciclo a parte" che aggiunge 2 scambi alla sequenza.
Sono 3 flip, in totale (2 scambi x 3) sono 6 scambi, che aggiunti ai
primi 9 (1° e 2° ciclo) fanno 15.
Se questi 3 spigoli li avessimo avuti già a posto la sequenza sarebbe finita a "N", ti trovi?

Il numero di scambi da fare (per gli angoli o gli spigoli) quindi varia a seconda dei casi. Non è mai fisso.

Certo, può capitarti la sequenza spigoli lunga e "bastarda" (tipo ricordarsi 15 caratteri, sebbene i 3 flip su "U" potresti anche ricordarteli "visivamente"), ma te ne può capitare anche una di 12 o di 10, per dire. Dipende dalla situazione che il cubo presenta (pezzi flippati, pezzi già a posto, pezzi fuori posto...).
Lo stesso discorso vale per la sequenza degli angoli: se nessuno è a posto dovrai fare 7 scambi; se c'è ne uno solo flippato ci saranno 6 scambi + 2 (---> correzione flip, in tutto 8 scambi), ecc.
L'importante ogni volta è contarli e capire se in tutto sono pari o dispari, per sapere se dobbiamo eseguire o meno l'algoritmo di parità.

Inizi dagli angoli?
Se la sequenza degli angoli avrà un numero pari di scambi, anche quelli della sequenza spigoli dovranno essere necessariamente pari.

Ugualmente, se invece gli scambi degli angoli sono dispari, lo saranno sicuramente anche quelli degli spigoli (e in questo caso farai anche la parità tra le due solve...)

Il discorso NON cambia se viceversa inizi dagli spigoli e finisci con gli angoli.

Spero di averti risposto almeno in parte.
Ripeto, nel forum c'è chi mi ha insegnato tutto questo e può risponderti ancora meglio. Smile


Forum Jump:


Users browsing this thread: